Bentrovato

Oggi me so’ svejato settantenne.

A ‘sto decennio novo ch’è arivato

le porte j’apro con un bentrovato

speranno che nun porti nove strenne.

 

Quello passato nun è stato avaro

e quel che ha lasciato già m’abbasta

si penso ar mal de reni quann’ attrista

o a’ la stanca che pija come sgaro.

 

Ma nun posso che dimme affortunato

vista la calla schiera de perzone

che ner camino m’hanno accompagnato.

 

Pe’ ricoje l’ affetto a profusione

m’è sufficente giusto ‘na puntata

e li acciacchi se metteno ar cantone.

 

Resta sortanto er bianco ner capello

a ricordamme che nun so’ ’n pischello.