Questa volta Sor Gustavo vi propone una composizione piuttosto esplicita, direi "cruda", ma soprattutto "amara". Il linguaggio con cui si esprime lo ha adottato essenzialmente per rendere il più possibile esplicita la riflessione sull’ipocrisia che a volte caratterizza i comportamenti umani.

 

L’UMANA COMPASSIONE (Sor Gustavo)

 

‘N’omo, giranno ‘n machina de notte,
dovette ralentà, causa ‘na fila.
Puro a st’ora le strade so’ ‘nterrotte,
cominciò a sbraità, guarda che sfiga!
 
Poi, pian piano, avanzanno lentamente,
intravide ‘na schiera de mignotte.
Ecco er motivo de l’inconveniente:
c’era chi se fermava p’anna a fotte.
 
Mentre ca’ riguardava questa scena
je venne da pensà a ‘ste poverette,
che proprio je facevano gran pena,
e a quale sorte erano costrette.
 
Chissà da che paese so’ arivate
credennose de superà le grane
ed invece, da ‘n pappa massacrate,
so’ ridotte a ‘sta vita da puttane.
 
Quant’anni potrà avè ‘sta regazzetta?
Nun c’è bisogno poi de troppi sguardi
pe’ potè dì che sia proprio perfetta.
 
An vedi questa qui che morettina!
Ma ch’or’ è? No, s’è fatto troppo tardi…
sinnò me la facevo ‘na svertina.
 
Advertisements